mercoledì 13 luglio 2016

Contrasto alla Grave Emarginazione Adulta in Italia, grazie CeSVoP

Nel pomeriggio del 13 luglio 2016, presso la Galleria d'Arte Moderna, si è concluso il ciclo di seminari sulle nuove povertà.
Sono state trattate da Giuseppe Mattina (FIOPSD) le Linee di Indirizzo per il Contrasto alla Grave Emarginazione Adulta in Italia, sottoscritte nel novembre 2015 in Conferenza Unificata Stato Regioni e presentate dal Ministro Poletti il 10 dicembre 2015.
Tali linee sono il frutto di un gruppo di lavoro coordinato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Direzione Generale per l’Inclusione e le Politiche Sociali.
Esse sono il primo documento ufficiale di programmazione nel settore della grave marginalità che Governo, Regioni ed Enti Locali sono chiamati a seguire per investire fondi pubblici in servizi ed in strategie abitative innovative, in quello che si delinea come il Primo Piano Nazionale di Lotta alla Povertà.
E’ una piccola, grandissima, rivoluzione culturale perché per la prima volta in Italia vengono definiti dei “livelli minimi essenziali” a livello nazionale per il contrasto dell’homelessness (persona senza dimora).
Nella giornata odierna erano presenti anche, Giuditta Petrillo, Presidente del CeSVoP, Vito Puccio, Presidente del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato (Co.Ge.) Regione Siciliana, che dopo un minuto di raccoglimento per le vittime dello scontro dei treni in Puglia, hanno preso atto della numerosa partecipazione, che indica l’attenzione ai temi trattati e, quindi, avere centrato l’obiettivo.
L’Assessore Agnese Ciulla ha evidenziato l’importanza dell’informazione e della conoscenza e di trovarsi preparati a queste “sfide” che significheranno risorse statali ed europee provenienti anche da PON Inclusione, PON metro, FEAD e POR.
Risorse economiche che andranno utilizzate al meglio con opportune progettazioni per evitare di perderle e nel contempo andare incontro ai bisogni delle Cittadine e dei Cittadini.
Il Garante per l’infanzia e l’adolescenza, Lino D’Andrea, richiamando quanto espresso da Giuditta Petrillo, ha desiderato sottolineare l’impegno e la volontà attuativa del CeSVoP e che l’intuizione propositiva di tale ciclo di seminari nasce dal Tavolo Povertà, all'interno del laboratorio Palermo città educativa.   
Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) altro tema affrontato da Giuseppe Mattina, al quale riconosciamo l’impegno, la professionalità e la pazienza.
Altro tema, alquanto complesso, è stato trattato brillantemente da Caterina Cortese (FIOPSD).
La valutazione e la misurazione dell'impatto delle politiche e dei servizi per il contrasto alla povertà. Argomento per molti nuovo, ma di fondamentale importanza per mettere in pratica verifiche (nelle varie fasi) ed acquisire dati certi, inerenti qualunque progetto o fasi della stessa Organizzazione in generale e nel contempo fornire contezza, anche amministrativa, agli Enti erogatori.
Impeccabile l’assistenza dell’Operatrice del CeSVoP Valeria Perricone.
Ci auguriamo che tale ciclo di seminari sia riproposto, apprezzato e seguito con lo stesso interesse nelle altre Provincie siciliane. 
Sicuramente un occasione da non perdere. 
GRAZIE CeSVoP, puoi fregiarti di un'altra medaglia.


2 commenti:

  1. A proposito di quanto affermato dal Garante Lino D'Andrea, è opportuno precisare che il CeSVoP si è fatto promotore anche di un'altra lodevole ed importante iniziativa. al fine di rinforzare quanto raccolto dal Tavolo tematico SPAZI PER VIVERE, sempre del progetto integrato Palermo città educativa, tutta la città educa.
    Il convegno STRADE DI RE-ESISTENZA si è svolto a Palermo il 27-28-29 giugno 2016. La terra ed i nostri territori, beni comuni da preservare e conservare.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina